SAFAR RADIORURALE 3° serie (Una delle migliori radio di Gilberto Giusti).

Ci facciamo 2 risate?
Guardate che inserzione fece su Ebay
Gilberto Giusti subito dopo la mia
pubblicazione “Safar Radiorurale 2° serie”.
( Safar Radiorurale 2° serie)
Pubblicò una stesso modello
sul quale sovrappose un pene di legno in foto-montaggio.
Nelle foto dell’inserzione aggiunse foto volgari.

Ecco il testo dell’inserzione del Giusti:

“Radio Rurale Safar 3 serie rarissima.
Alimentazione a batteria.
Ritrovata in un istituto penale.
Ripulita senza aloni o parti di
impiallacciatura staccata.
FREGIO ORIGINALE. 
Sul telaio presenti due numeri di 
matricola e le lettere AZ delle quali 
non conosco il significato. 
Nota bene : 
in asta vendo solo la foto della radio e
il libro “Diciamoci la verità.
Oltre l’orizzonte del pensiero” Koinè.”

Ovviamente ho acquistato subito la foto della rurale
terza serie Safar (come lui la definisce) .
Ho pagato immediatamente ( 50€) , dato
feedback positivo e lui l’ha prontamente
spedita assieme al libro.


Adesso  in collezione a fianco
alle mie SAFAR
c’è anche la
piccola FOTO del Giusti.
Venite a vederla.

E’ veramente divertente. L’amico Gilberto
mi dedica parecchio tempo. Sono onorato.
Ma continuiano a ridere, 

Da 20 anni esatti coltivo la passione che
abbiamo in comune, mi sono progressivamente
addentrato nella ricerca, nella riparazione,
nel restauro, probabilmente Giusti non ha
gradito le mie pubblicazioni ma non
avendo sostanza critica di confronto,
non ha trovato niente di meglio
che fare questa inserzione su Ebay
( clicca qui e fai scorrere per vederla).

ecco le foto della inserzione di Giusti:

(Mi scuso per l’inappropriatezza delle
immagini ma dovendo fare cronaca devo farvele
vedere per forza)

Rosica al punto che segue ossessionato
tutte le mie pubblicazioni e poi ogni volta
che metto in vendita una della mie radio ne
fotografa 2 o 3 una sopra l’altra e le
pubblica su Subito.it ( ecco un esempio )

SEMPRE CON UN GUANTO LEOPARDATO
APPOGGIATO SOPRA.
Sapete perche?
Ve lo spiego subito:
Nel 2007 quando misi on-line il mio primo
sito web radiorurale.it tra le foto panoramiche
della collezione compariva la mia fidanzata.
Conviveva con me da 5 anni, era molto bella e gli
feci delle foto in cui indossava un top LEOPARDATO
e degli stivali alti sempre LEOPARDATI.


Ovviamente le visite di quelle foto salirono a migliaia,
( Vi allego le foto qui sotto per farvi capire meglio,
non erano ne volgari ne inappropriate , erano solo splendide).
Dopo quella pubblicazioni il carissimo amico Giusti
(frequentava la mia casa e la mia collezione settimanalmente)
, senza un motivo non si è mai più fatto vedere
e ha iniziato a pubblicare riferimenti
al mio operato in materia.
Nonostante tutto lo considero ancora adesso un amico,
certo molto stravagante e atipico come personaggio.
Nel mondo delle radio siamo tutti un’pò fuori di testa,
non ce ne uno normale intendiamoci,
lui però è seriamente candidato alla presidenza in tal senso.
Ma ritorniamo al GUANTO DI LEOPARDO.
Evidentemente lo mette sulle radio uguali alle mie
perche è rimasto scioccato!
Scusami non sapevo che una bella donna fosse
per te un dramma psicologico di tale portata!

Continuo ad invitare il fenomeno a venirmi a
trovare ma non viene. Forse ha paura di qualcosa.
Francamente mi dispiace, si perde una gran cosa.

( Mi diverte da pazzi e credo che diverta anche voi )

Attendo con piacere le prossime pubblicazioni
che Gilberto studia per promuovermi.

Un saluto agli amici compreso mister Rosica.

 

(PS): Lasciate un commento sotto nell’apposito spazio, grazie.

(Visited 716 times, 1 visits today)

7 Comments

  • Daniele ha detto:

    Daii Gogna è il più grande collezionista di RR e Balilla di tutta Italia io personalmente ammiro la sua perizia conoscenza e pazienza che dedica a questi gioielli ,lo chiamo per dei consigli che lui gentilmente non mi fa mai mancare ! Morale non cadiamo in gelosie ma apprezziamo tutti il suo lavoro di ricerca e storia di questi apparecchi che dettaglia nel sito oppure in libri bellissimi che fanno comodo a tutti noi

  • Enrico ha detto:

    [00:27, 19/8/2018] Radio Enrico: Direi che senz’altro quello dell’amico Gilberto è stato un clamoroso autogol…vorrei dirgli che la passione deve essere motivo di unione…deve essere condivisione..anche le opinioni personali devono essere costruttive..
    Gabriele mette a disposizione di tutti la sua conoscenza…è sempre disponibile a dar consigli…a dare un aiuto fattivo qualora ve ne fosse bisogno…è animato da spirito collaborativo e costruttivo…il giusto spirito che dovrebbe essere comune a tutti i collezionisti.
    Personalmente non condivido invece il sarcasmo che è stato fatto con questa inserzione…non porta a nulla…anzi..in qualche modo credo che alla fine si sia rivelata un boomerang contro lo stesso Gilberto.

  • Marco ha detto:

    Collegandomi al discorso di Enrico… confermo che il servizio che rendi alla Comunità collezionistica è enorme: come me ed Enrico e tanti altri collezionisti che amano condividere le loro scoperte e acquisizioni, ci facciamo il mazzo per fotografare, recensire e pubblicare tutto ciò che ci capita fra le mani. Questa cosa non ha prezzo. Non è puro esibizionismo, è divulgazione scientifica, è spirito di condivisione, disponibilità, gentilezza, cortesia nei confronti di chi ha sete di informazioni e desidera cresecere culturalmente in questo difficilissimo e vastissimo settore… tutti argomenti che Gil probabilmente non conosce… sono per lui lontani anni luce, accecato da inspiegabile spirito vendicativo che lo trascina in un vortice di follia in una corsa alla caccia all’ultimo sangue, costi quello che costi, pur di sottrarre il pezzo raro a chi sa lui… in una sorta di godurioso compiacimento perverso. Nulla è per lui condivisibile, pubblicabile, fotografabile, tutto si compra per essere sottratto dal mercato e ben nascosto. E basta. Questo è uno dei motivi, per esempio, che mi ha spinto a segnalare a Gabriele dove recuperare il museale televisore SAFAR… sono ancora più convinto di aver fatto la cosa più giusta. Lo rifarei domani.

  • Leonardo ha detto:

    Gogna ha sempre pubblicato le sue radio e contribuisce a divulgare informazioni dettagliate.
    il suo lavoro costituisce un “unicum” a disposizione di tutti.
    Per questo mi sento di ringraziarlo per quello che da anni fa.
    un saluto, Leonardo

  • Massimo ha detto:

    Non posso che associarmi a quanto già scritto da Enrico e Marco.
    La condivisione è alla base della passione che ci accomuna ….altrimenti che senso avrebbe sprecare tempo e denaro ?
    Un caro saluto

  • stefano ha detto:

    Salve a tutti , il Giusti lo conobbi attorno il 95-96 e mi acquistò alcuni pezzi …….poi per molti anni scomparve (almeno per la mia strada) .ma prima di esprimermi consiglio a me stesso e a tutti voi di leggere il libro proposto da Gilberto . Forse vuole comunicarci qualcosa che in in altro modo non ……..’ESCE FUORI’!!!!Sapete molte volte gli avvenimenti , le situazioni e gli STRAVOLGIMENTI che la vita ( chiamerei poi il DESTINO il quale a mio parere seppur noi lo vogliamo precedere lui si sveglia SEMPRE prima di noi !!)ci pone davanti al nostro cammino sono veramente STRABILIANTI NEL BENE E IL SUO OPPOSTO. A risentirci e ……buona lettura

  • Mario Messuti ha detto:

    Mi sono avvicinato da poco al mondo delle radio d’epoca e ho avuto il piacere di conoscere personalmente Gabriele e forse altri che hanno scritto in queste pagine.
    Modestamente mi permetto di dire che non è da tutti mettere a disposizione le proprie conoscenze ed esperienze.
    E’ questo che ha fatto Gabriele nei miei confronti e non è cosa da tutti.
    Le conoscenze, che costano tempo e sacrifici spesso vengono nascoste per la paura immotivata che altri se ne possano appropiare, questo pensiero e comportamento non fa parte del credo di Gabriele che ha messo a mia disposizione tutto quello che poteva offrirmi.
    Anzi alcune volte chiedo pareri e consigli, che sono sempre dispensati con gentilezza e competenza.
    Non nascondo inoltre che il suo sito è per me fonte di arricchimento e continuo aggiornamento.
    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *